Archivio

Posts Tagged ‘Moda’

Marc Jacobs e Louis Vuitton su Rai5!

febbraio 1, 2011 12 commenti

Oggi ho dato avvio al mio viaggio iniziatico sul nuovo canale di Rai5, il canale dedicato alla cultura e forse uno dei pochi che meriti veramente il pagamento del canone Rai in scadenza.  Devo dire molto interessante la veste grafica del canale, seppure non all’altezza della più avveniristica grafica di Rai4, il fratello teenager della famiglia Rai. Scorrendo la programmazione è facile scoprire come la barbosità della cultura sia ben smontata da questo progetto televisivo rendendo il tutto molto piacevole.

Muovendomi veloce tra un canale e il seguente, tra immagini che scivolavano veloci sotto la pressione sincopata del mio pollice sinistro, sono arrivato all’interessante documentario sull’estrosa figura di Marc Jacobs e sulla sua intensa vita divisa tra New York, quartier generale dell’omonimo marchio, e Parigi, dove è direttore creativo del più istituzionale Louis Vuitton. Il film documentario è girato da Loic Prigent.

Ovviamente le condizioni frenetiche delle sue giornate fanno irrigidire la pelle dell’osservatore per l’invidia provata difronte alle tante città che inseguono il protagonista, con tanto di trasferta a Tokyo; il piacere delle interminabili pause durante la scelta di un tessuto, di un colore e cresce l’attesa per la risoluzione del rompicapo, che Marc ha sempre pronto. In ogni dove c’è sempre qualcuno pronto ad esaltarlo, ma per finta modestia o per reale senso di inadeguatezza Jacobs riduce tutto il suo lavoro a normale operazione artigianale rispetto alle vette dell’arte, e si chiede il senso dei tanti complimenti ricevuti. Interessante i riferimenti alle tante suggestioni che possono innescare il processo creativo che frutterà milioni di dollari in tutto il mondo, le sue scaramanzie e la dieta ferrea a cui si sottopone fatta di melmosi impiastri energetici e proteine, nonché l’ansia da prestazione a ridosso della sfilata e di fronte allo sguardo attento e dubbioso del diavolo che veste Prada, Anna Wintour!

Sicuramente potrete ritrovare il documentario ancora in programmazione per la prossima settimana, bisogna solo fare un po’ di attenzione….qui la presentazione dal sito di Rai5 e una parte del documentario! Interventi di Sofia Coppola, Anna Wintour e Bernard Arnault!


Annunci

Questioni di stile…Polo. (Lacoste/Fred Perry)

maggio 22, 2008 8 commenti

E’ ormai un must del vestire maschile, la polo tolta dai campi e dalle regole dal poco noto sport d’elité ha conquistato la vita di tutti i giorni parlando un linguaggio trasversale e straordinario. Non bisogna dimenticare però che oltre a fare riferimento al Polo altri come il signor. Lacoste hanno portato un pezzo di tennis nella vita comune. E così Lacoste, come Fred Perry e Polo Ralph Lauren rappresentano un must di stagione con le loro polo colorate.

(QS) I love Prada…anche il nuovo Lg firmato dal marchio!

aprile 29, 2008 Lascia un commento

E’ lei, la Miuccia nazionale, con il termine Made in Italy poco puoi associare istantaneamente se non Valentino, Armani, Versace, Dolce & Gabbana…e poi Prada. Seppure l’azienda non ha mancato di grossi problemi finanziari, è sempre riuscita ad uscire a testa alta da qualsiasi difficoltà consegnandosi come una delle aziende più estrose di stagione in stagione. La sua fama mondiale è scesa persino verso l’ultraterreno…perfino il Diavolo veste Prada, e lo stile Prada non manca mai tra quelli osannati  ogni anno dalla temuta Wintour…il diavolo!

Spring/Summer Prada…

IL GIARDINO SEGRETO
Miuccia Prada non delude mai: il suo universo a tratti solipsista svela sempre in realtà un lato edgy e profondamente legato a una percezione assai lungimirante della realtà. Leggerezza è il fil rouge di una collezione che si nutre di emozioni, vibrazioni, aneliti, sguardi. Come ne “Il giardino delle vergini suicide” di Sofia Coppola o in un bosco incantato come quello di “Legend” il dolce stil novo di Miuccia ci immerge in un mondo di sfarzo reticente e assiomatico. Una misurata opulenza che comincia dalla palette densa di cromìe sature e magniloquenti: il rosso, il turchese, ma anche il verde giada che si accoppiano e si sommano nelle esclusive stampe check di matrice Seventies come nei print tapestry dalle geometrie vagamente optical. Le gambe sono coperte da pantaloni a zampa arricciati sul ginocchio -splendidi- le spalle si ammantano di microcappe di organza, che fluttua sulle silhouette a calice rovesciato un po’ Anni’50, un omaggio forse alle possenti ma composte architetture di stoffa del grande Christian Dior e del suo New Look. Gli scolli sagomati accendono intime fantasie mentre nel giardino fatato si aggirano fanciulle innocenti e fragili che indossano gonne a cupola in organza plissettata o in nappa glassata d’oro sopra scarpe policrome con i tacchi a rocchetto.
di Enrico Maria Albamonte da Style.it
Continuando la lettura trovi la collezione maschile e in anteprima il nuovo LG Prada.

Questioni di stile…Versace lo spring-summer 2008

aprile 20, 2008 Lascia un commento

In occasione dell’intervista barbarica a Donatella Versace, questa settimana vi proponiamo le collezioni maschili e femminili per la primavera-estate 2008 di Versace. un’azienda che ha saputo e ha dovuto reinventarsi continuamente, alla ricerca di un’identità sempre nuova. Il colpo più grande assunto dall’azienda è stata la morte del genio creativo, Gianni Versace, ma la sorella a distanza di undici anni è riuscita a reinserire l’azienda tra le migliori del mondo nel campo della moda, risanando con i ricavi in cresita la crisi finaziaria registrata dalla morte di Gianni.

Queste le sue ultime proposte…

Per lei.

NEO-CLASSICO CON BRIO

Glamour allo stato puro, ineffabile ma estremamente concreto. Questo è il nuovo dogma della Maison della medusa che si rinnova percorrendo un sentiero di irripetibile nitore di linee e volumi dove la preziosità risiede nei pesi leggeri e fluidi e nella nobiltà dei drappeggi neoclassici da vestale. “La mia è una donna a tre dimensioni  – spiega la stilista nel backstage – è dolce, è donna, ma è anche dinamica”. L’enfasi è sulle gambe di giorno, lunghe e scattanti come quelle di un fenicottero esaltate da shorts di raso con tasche a soffietto applicate, da scarpe la cui zeppa simula un tacco a spillo o avvolte in lunghi pantaloni di jersey stile harem o appena coperte da pantaloni tagliati a metà polpaccio ma ampi, una lunghezza e una proporzione nuova e suggestiva. Splendidi gli abiti con le maniche a “T” che per il cocktail si tingono di verde bambù, rosso corallo o giallo limone e che di sera svelano la schiena impreziosita da reticoli di seta, da fasce incrociate di passamanerie di satin, solcata da sautoir di perle in tinta con il peplo, velata da pannelli asimmetrici di chiffon che fanno somigliare le donne a statue greche come la Nike di Samotracia. Donatella Versace ha nuovamente colto nel segno con una collezione superba, portabile, ricca di charme affidata a un casting di splendide supertop tutte bellissime, tutte inequivocabilmente bionde. Come Freja, Carmen, Gemma, Jessica, Natasha. Un nuovo Olimpo.

(video sfilata primavera-estate donna)

Enrico Maria Albamonte da Style.it

Per lui.

L’uomo di Versace guarda ad un’eleganza sempre più interiorizzata, e mette l’accento del suo guardaroba su design e qualità. I tessuti sono ecologici anche negli effetti più tecnici, grazie alla spalmatura di proteine della seta che aggiunge levità alla mano lucente dei capi, e naturale è anche l’anima di dettagli ricercati, come il tacco in legno della calzatura. Le dimensioni giocano sul contrasto reciproco di forme ampie, tanto nel completo quanto nei capi più active, intervallate a sagomature fitted che esaltano il corpo con precisione. Creando così un guardaroba che gode del movimento e lo esalta proprio per la sua pulizia rigorosa, con uno stile no logo che sceglie di distinguersi per particolari studiatissimi. Come il gilet incrociato sulla schiena, l’elisione dei revers, solo accennati dal profilo della giacca, la struttura componibile del trench-jacket, l’uso incisivo del colore che accende il nero con lampi di rosso e insinua i toni pastello del verde, del rosa, del lilla e dell’azzurro sotto i completi da sera. I gioielli concludono con coerenza l’evoluzione della maison, e non vanno oltre i gemelli da sera e le sottili barrette fermacravatte.

video sfilata primavera-estate uomo.

 Silvia Sammarro da Modaonline.it 

 

Questa sera (18/04) a “Le Invasioni Barbariche” Jovanotti.

aprile 17, 2008 1 commento

Tornano le invasioni con la nona puntata del talk show più amato dagli internauti, ricordo che “Le Invasioni Barbariche” è un talk show che tratta di costume e società; inoltre ogni sera sono invitati tre ospiti d’onore che si sottopongono all’intervista barbarica di Daria Bignardi. L’appuntamento è per ogni venerdi sera alle 21.10 circa su La7.

Prima di vedere gli ospiti della prossima puntata, quella che andrà in onda stasera, vi annuncio un’iniziativa di questo spazio dedicato alle “Invasioni” che va a ripescare tra le interviste le più belle. Vista la disfatta alle regionali siciliane, ho deciso di proporvi l’intervista ad Anna Finocchiaro, appartenente al Pd, il video lo trovate in calce all’articolo. Gli ospiti della nona puntata sono:

  1. la stilista Donatella Versace; (video dell’intervista)
  2. la scrittrice Dacia Maraini;(video dell’intervista)
  3. il cantante Lorenzo Cherubini…Jovanotti!(video dell’intervista)

Torna lo spazio dei talk, questa sera…

Le Invasioni è anche i suoi talk. Nel primo sarà in studio Rocco Tanica, artista eclettico e imprevedibile, autore surreale, tastierista e anima musicale di Elio e le Storie Tese, che ha appena pubblicato il suo primo libro, “Scritti scelti male”. Nel secondo, invece, si parlerà del motivo che spinge sempre più italiani a scegliere Dubai, piccolo emirato affacciato sul Golfo Persico, per realizzare il proprio sogno di ricchezza, glamour e lusso eccessivo: tra gli ospiti Alessandro Siani, Mario Tozzi, il fotografo Bob Krieger, Katia Noventa e Luisa Ancelotti.

Vodpod videos no longer available. from www.la7.it posted with vodpod

Questioni di Style…Gucci

aprile 1, 2008 2 commenti

gucci.jpgE’ perché quando uno mi dice lusso penso subito a lei che ha reso l’immenso ciò che già era grande, l’unica che dopo Tom Ford è riuscita a mantenere livelli altissimi e ricavi eccezionali pur modificando lo stile della maison. 

Sto parlando di Frida Gianni, capostilista della collezione donna ma anche uomo di casa Gucci, ormai distante dal suo predecessore è riuscita a imporre uno stile tutto suo…semplicemente grandioso!

E così ritorna lo stile Gucci anche questa primavera:

gucci-woman.jpg

 

gucci-man.jpgDonna: Di ispirazione anni ’50 e black & white, che lascia spazio solo a sfumature gialle e rosa, per stampe floreali optical, volumi ampi ma strizzati in vita da grosse cinture.

Uomo: Dallo sport-chic al dandy, passando per gli anni ’70 senza lasciare lo stile navy con le sue maglie rigate. E poi ancora punk, british style e la coppola siciliana. Per un mix perfetto!

Queste le collezioni maschile e femminile per la primavera-estate di Frida Giannini per Gucci…

La collezione spring-summer 2008 femminile…

La collezione spring-summer 2008 maschile…

 …infine lo spot di David Lynch per Gucci by Gucci.

Questioni di Style…il Trench/Burberry

marzo 22, 2008 Lascia un commento

Trench burberryCon l’inizio della primavera inauguriamo su Secondside una nuova sezione dedicata totalmente allo stile, alla moda e al ben vestire…perché l’apparire non è più un optional!

Come sicuramente quest’estate non è un optional l’uso del Trench o l’acquisto di uno per chi non ne avesse già uno stipato nell’armadio.

trenchallegri.jpgQuesto capo, che rivoluzionò il modo di vivere sotto la pioggia, entrò a far parte del menswear da metà Ottocento grazie a Thomas Burberry, suo inventore, e da quel momento pur modificandosi nei dettagli è rimasto sempre fedele a se stesso. Quest’anno si reinventa nei toni sabbiosi, country-brown,dei grigi urbani o passando per le tinte vicine al ghiaccio senza tralasciare il technowear al quale strizza l’occhio con bagliori metallici; un must sia strizzato in vita con la cintura, che nei modelli diritti a  monopetto.

Il must have è il trench Burberry con l’inconfondibile motivo tartan interno, altro must have è il trench di Allegri, azienda leader nella produzione del raincoat ( trench).

Buona scelta, a seguire alcuni modelli di trench (le foto sono tratte dal Fashion Guide de L’Uomo Vogue), e la sfilata Primavera/Estate 2008 di Burberry Prosmus.

Leggi tutto…