Archivio

Archive for the ‘Sanremo 2010’ Category

Terza serata Sanremo 2010 (18 Febbraio): Revival dei 60 anni del Festival, Tony Maiello in finale con Jessica Brando. Pupo&Principe e Valerio Scanu ripescati!

febbraio 19, 2010 3 commenti

Si è conclusa anche questa terza serata del Festival di Sanremo segnata da tanti ospiti che hanno riportato sul palco vecchie glorie della musica italiana sanremese, tra le altre, stupende le interpretazioni di Edoardo Bennato con Ciao Amore Ciao di Luigi Tenco, Carmen Consoli con Grazie dei fior e Francesco Renga.

Poco spazio alla gara, vediamo le novità più scottanti, tra i giovani passano il turno Tony Maiello, ex X Factor, e Jessica Brando forse aiutata dal non essere salita sul palco -si sa i casi umani fanno sempre consensi in tv, infatti la ragazza solo quindicenne non poteva cantare dopo la mezzanotte e così è stata mandata in onda solo una registrazione delle sue prove-. Per quanto riguarda il fronte Big, Alessandra Amoroso dei miracoli salva Valerio Scanu e ritornano in gara spaccando la platea anche il Trio misto Pupo&Principe&Tenore. Nulla possono i Sonohra con un figlio di Pooh raccattato all’ultimo momento, tanto meno Toto Cutugno con Belen Rodriguez, anche Nino D’Angelo dice addio alla gara.
Nota di merito, Valerio Scanu finalmente muove il sedere dalla sedia e toglie quelle odiose sciarpette rubate ai vecchietti di Uomini & Donne recuperando un po’ di punti in fatto di stile.

Ci risentiamo per la semifinale!

Annunci

Seconda serata Sanremo 2010 (17 Febbraio): la Clerici si sblocca, Valerio Scanu e i Sonohra eliminati, Nina Zilli e Luca Marino in finale!

febbraio 18, 2010 2 commenti

Finalmente la Clerici si è lasciata andare portando un po’ della sua simpatia sul palco, ottimo anche il Can-Can, ci piace così un po’ caciarona basta che non ci canti le tagliatelle di nonna Pina, può fare di tutto. Altra nota di merito non solo l’ascolto monstre che non ha fatto rimpiangere alla Rai il passato Sanremo (quasi 11 milioni di telespettatori), ma anche l’essersi accollata il peso di una conduzione assolutamente solitaria senza valletti o vallette di sorta, di aiuto le è assolutamente il ritmo sprint di questa edizione del Festival che non termina mai oltre le 24.30 e che permette a tutti di poter ascoltare tutte le canzoni, quindi lodi lodi lodi per Antonella e il suo staff.

Oltre ai tre tenorini che ci hanno regalato delle belle performance, mi è piaciuta molto la Regina Rania di Giordania, elegante, sexy ed intelligente caratteristiche che hanno ben poche donne nella nostra tv, simpatica anche la Rodriguez, sicuramente avremmo anche fatto a meno della trovata dell’Avatar della Clerici, nota di colore un po’ stupida. La gara è filata liscia come l’olio, i miei pareri sono pressoché riconfermati tranne per Malika Ayane, la quale effettivamente merita un ascolto più attento, se invece devo confessarvi la canzone che ho canticchiato oggi, sicuramente, malamoremalamoreno, quella di Arisa, ma anche Sarkono…Sarkosi di Simone Cristicchi. Ho riascoltato su Youtube Noemi, che ho trovato un bel po’ spenta oggi, resta la delusione per Marco Mengoni, si che può cantare anche l’elenco telefonico con la voce che si ritrova però una canzone più bella si poteva trovare.

Riascolto positivo anche per Irene Grandi, Povia, anche se sono odiose quelle mosse che fa, ed Enrico Ruggeri l’unico big che resiste. Forse ho trovato una soluzione al quesito della canzone di Irene Fornaciari, perché il mondo piange, io penso che sia per la sua canzone fin troppo lagnosa con dei Nomadi imbalsamati sullo sfondo, giusto per permettere alla ragazza di poter entrare nella categoria dei Big. Seppur un po’ bistratta, buona l’esibizione di Fabrizio Moro. Sarà che questa volta la giuria demoscopica ne capisce:  sono stati eliminati i due di cui a questo giro avrei fatto a meno, Valerio Scanu che con lo sgabello e la sciarpetta non si può vedere, decisamente meglio Marco Carta lo scorso anno e i Sonohra, anche loro pessimi tanto da poter lasciare celermente il palco…se fosse per me sarebbe da ripescare solo Nino D’Angelo i restanti li farei salire a bordo dell’aeroplano di Toto Cutugno e li rispedirei a casa.

Prima puntata Sanremo 2010 (16 Febbraio): Non è un Sanremo per vecchi, eliminati Toto Cutugno, Nino D’Angelo e Pupo con il principe.

febbraio 17, 2010 1 commento

Si è conclusa la prima puntata della Sessantesima edizione del Festival di Sanremo e subito va fatta una nota di merito alla conduttrice, una chiusura entro le 24.30 non si vedeva da anni, sarà per la crisi ma la crisi in questo caso ha fatto bene con un ritmo veloce, non troppi panegirici intorno agli ospiti e il dovuto spazio alle canzoni, critica dovuta prima della mannaia degli ascolti che molti dicono potrebbe essere impietosa, in realtà la Clerici non è riuscita a dare a questa prima serata l’aurea di grande evento, ma piuttosto ingessata è arrivata alla fine…una Antonella più sciolta farebbe molto piacere grazie anche ad abiti meno ingombranti che gli permetterebbero di camminare su i tacchi con maggior disinvoltura di Vladimir Luxuria.

Ma torniamo alle canzoni con qualche breve commento, partiamo da quella che mi è piaciuta meno, Toto Cutugno è riuscito nell’impresa di portare una delle canzoni più brutte sentite al festival entrando in ballottaggio con i Piccioni di Povia che, sinceramente, quest’anno non mi è dispiaciuto poi così tanto. Mi sarei aspettato qualcosa in più dai rampolli da talent show, Valerio Scanu sembrava aver rubato la canzone a Toto Cutugno per quanto barbosa, lagnosa cantata con una voce monocorde, Marco Mengoni sembrava che si divertisse a fare esercizi di stile; anche Malika Ayane che spesso è in grado di catalizzare la mia attenzione è scivolata via molto velocemente, simpatiche le note di colore portate da Simone Cristicchi e Arisa, anche se quest’ultima, con Sincerità, non penso bisserà il successo della scorsa edizione. Buona la performance di Enrico Ruggeri, anche se i tempi di “Quello che le donne non dicono” sono molto lontani, il Trio si difende senza infamia e senza lode, diciamo che se Emanuele Filiberto & Co avessero mantenuto la minaccia di non andare al Festival non ci saremmo persi poi tanto. Balzo indietro anche per la piccola Sugar, Irene Fornaciari, molto meglio la canzone dello scorso anno, i Sonohra fanno i Sonohra nulla da aggiungere, buona la canzone di Irene Grandi, anche se Bruci la città scritta sempre con il cantante dei Baustelle si che era un vero pezzo di successo, al di là del pregiudizio iniziale non mi è dispiaciuta l’interpretazione di Nino D’Angelo, ma quella che ho preferito in assoluto è l’esibizione di Noemi che ancora una volta con un testo non eccezionale grazie alla sua voce sfodera una esibizione interessante. Dimentico Fabrizio Moro che porta una non-canzone dai toni di invettiva per un po’ di sano rap, anche se resta da rimpiangere Fabri Fibra.

Questi i commenti al primo ascolto che si sa non è mai portatore di giustissime critiche, inoltre sembra che nessuna canzone abbia puntato ai passaggi radiofonici, infatti, a mio parere, tutte faticheranno ad entrare nelle radio nazionali e se lo scorso anno c’era da giocarsi la carta Nuove Generazioni, quest’anno anche quella categoria è piuttosto magra di novità, per concludere, ad un primo ascolto le canzoni non sono proprio così stupefacenti…forse perché mancano di stupefacenti: pochi versi del testo di Morgan e già eravamo su un altro pianeta, quando cie vo cie vo!!!

Tornando al titolo, pare che questo Festival rappresenti un interessante giro di boa con l’esclusione dei tre veri big anche anagraficamente, che anche il palco di Sanremo inizi ad urlare largo ai giovani?

Leggi tutto…

Sanremo 2010(Martedì 16 Febbraio 2010): Finita l’attesa!

febbraio 16, 2010 Lascia un commento

Ne abbiamo parlato spesso in questi ultimi giorni grazie al caso Morgan, in attesa di sentir scaldarsi le ugole d’oro che canteranno sul palco dell’Ariston, ragazzi l’attesa è finita!

Per mettere la parola fine sulla presenza o meno del cantautore Marco Castoldi dovremo aspettare probabilmente la mezza notte di sabato sera, visto che è un continuo tira e molla, ma questa sera ci potremo allietare con un esibizione bollente di Dita von Teese, la signora del Burlesque accompagnata dalle ballerine del Moulin Rouge e non mancherà nemmeno la simpatia di Paolo Bonolis che ricambia il favore ad Antonella Clerici di qualche anno fa!

Ma passiamo ai protagonisti, degni più che di Sanremo di una rinnovata edizione del Festivalbar vista l’età media, dopo Marco Carta è stato sdoganato il reality nella kermesse canora, infatti saliranno sul palco Valerio Scanu (ex Amico di Maria de Filippi), Noemi e Marco Mengoni dritti dritti da X-Factor. Poi ci sono le ex-rivelazioni sanremesi che da giovani si ritrovano tra i big (Arisa, Malika Ayane, Fabrizio Moro, Povia, Sonohra) ci sarebbe anche Irene Fornaciari accompagnata questa volta da i Nomadi, a questi nomi si aggiungano i due giovani cantanti Irene Grandi e Simone Cristicchi, praticamente per i telespettatori da geriatria rimangono Nino D’Angelo, Toto Cutugno, la coppia più bella del mondo, Pupo & Emanuele Filiberto alias (il principe e il ranocchio) e infine Enrico Ruggeri che seppure un po’ attempato riesce sempre a regalare buone canzoni.

Morgan 3: Morgan riammesso a Sanremo, questa sera si confessa a Porta a Porta!

febbraio 4, 2010 Lascia un commento

UPDATE: le voci su una riammissione di Morgan non hanno trovato una conferma nella puntata di Porta a Porta appena conclusa, quindi non ci tocca che aspettare…ma poi dopo tutto, Morgan, ma che diamine ci vai a fare a Sanremo?

La danza intorno all’ex-cantante dei Bluvertigo sembra infinita, infatti un’agenzia a decretato la riammissione di Morgan a Sanremo, intanto questa sera l’artista sarà ospite di Bruno Vespa per chiarire la vicenda, speriamo solo che non ci sia anche il plastico della casa del cantautore.

Intervista shock di Morgan su Max ” Meglio la cocaina che la De Filippi”Ufficiale l’esclusione di Morgan dal Festival di Sanremo 2010!!!

febbraio 3, 2010 19 commenti

UPDATE: Morgan è ufficialmente escluso dalla kermesse sanremese prossima, la decisione è stata presa da Mauro Mazza, direttore Rai1 con l’accordo di Mauro Masi direttore Cda Rai. Ovvio che sia in bilico la partecipazione di Morgan anche a giudice della 4° Edizione di X Factor!

Tra i milioni di consumatori di Cocaina, doveva pensarci proprio lui, il pirata Morgan a sdoganarla nei media. In realtà gente come Kate Moss e Amy Winehouse dovrebbero averne tutti i meriti, ma effettivamente in Italia una cosa così non si era mai sentita, nemmeno dalla vita spericolata di Vasco Rossi.

Leggendo un po’ su internet scommetto che anche molti di voi resteranno stupiti, altri in realtà, un po’ come me, se lo aspettavano: se uno vuole fare il poeta maledetto, che maledetto sia…cosa sarebbe Baudelaire senza un po’ di coca.

In realtà il cantante si è subito difeso, dicendo sempre nell’intervista, di utilizzarla come antidepressivo e non come diversivo del sabato sera, quasi a ricercarne un valore farmacologico, ma le reazioni non sono state lenite, mettendo in crisi non pochi appuntamenti dell’artista.

“La droga apre i sensi a chi li ha già sviluppati, e li chiude agli altri. Io non uso la cocaina per lo sballo, a me lo sballo non interessa. Lo uso come antidepressivo. Gli psichiatri mi hanno sempre prescritto medicine potenti, che mi facevano star male. Avercene invece di antidepressivi come la cocaina. Fa bene. E Freud la prescriveva. Io la fumo in basi (modalità di assunzione nota come crack, ndr) perchè non ho voglia di tirare su l’intonaco dalle narici. Me ne faccio di meno, ma almeno è pura. Io non ho mai conosciuto nessuno che ci sta dentro come me a farsi le basi. Ti sembro uno schizzato? No. E invece ora sono completamente fatto. Ne faccio un uso quotidiano e regolare”.

Il brano riportato sopra è parte delle dichiarazioni su Max, intanto si parla di una probabile esclusione dalle file Sanremesi che lo avrebbero visto protagonista a breve, segue un’epurazione da casa Rai, con conseguente radiazione da XFactor4 – in realtà Morgan aveva dimostrato ben poco interesse a proseguire la carriera di giudice-.

A dover di cronaca, Morgan è subito intervenuto affermando che si tratta di un’intervista carpita, sempre per dover di cronaca il direttore di Max ha subito smentito affermando che si tratti di un’intervista registrata. Quindi ci tocchera attendere gli sviluppi della faccenda, rispetto ad un Festival alle porte, con una Antonella Clerici data per spacciata, Pupo che dice di pensare al ritiro e un Morgan in bilico.

E poi ritornando al titolo…è così sicuro che la Cocaina faccia più male di una stagione di Uomini &Donne?

Sanremo 2010: le 10 canzoni della Nuova Generazione in anteprima!!!

gennaio 27, 2010 2 commenti

E’ una delle novità più interessanti la scelta di pubblicare le canzoni di Sanremo Nuova Generazione in anteprima, prima dell’inizio della kermesse canora con dei pseudo-videoclip musicali di scarsa caratura e piuttosto frettolosi direi.
Altra questione importante legato a quello che era Sanremo Giovani, è la crescente brillantezza delle canzoni che spesso fanno sfigurare i più noti Big, solo lo scorso anno c’erano tra i giovani il successone radiofonico Malika Ayane, la vincitrice Arisa che divenne subito tormentone (sia Malika che Arisa saranno presenti nella sezione big quest’anno), ma anche Karima, Simona Molinari tutte proposte molto, ma molto interessanti…ripeto più degli stessi Big della scorsa edizione, vedi Povia, Sal da Vinci & Co.

Quindi voliamo verso la Nuova Generazione…

  1. Nicolas Bonazzi, Dirsi che è Normale…direi che non si parte proprio al meglio, solita solfa Sanremese, molto sdolcinata, lui poco dall’anima pop, piuttosto ennesimo scialbo cantante, dirsi tutto ciò che è normale a Sanremo. BOCCIATO.
  2. Jessica Brando, Dove non ci sono ore…uno dei video più carini, voce interessante, bell’arrangiamento per non parlare di un certo carisma da pop star che potrebbe essere molto interessante, non guasta la bellezza di Jessica, una ragazza molto carina. Che dire, una debuttante molto promettente, con una canzone però da non strapparsi i capelli. PROMOSSA con Riserva.
  3. Broken Heart College, Mesi…il video peggiore, con due che cantano davanti ad una telecamera in uno studio d’incisione, evviva l’originalità. Loro sono il giusto mix tra i Sonohra e gli Zero Assoluto, un testo banale che ripete i mesi in un lungo ritornello, pezzo da stazione radio provinciale, ma che senza pretese qualitative può entrarti in testa. SCARSI.
  4. Mattia De Luca, Non parlare più…ad ora una delle canzoni più interessanti, bel timbro, video con un minimo d’ingegno, buona presenza, bello anche l’arrangiamento seppure ancora non riesce a discostarsi del tutto da un forte senso di Déjà-Vu. BUONO.
  5. La Fame di Camilla, Buio e Luce…finalmente una nota distorta nel piattume sanremese, devo dire che stavo per prendere sonno e questo quartetto di ragazzi mi ha ridestato, bel ritmo, ottimo il cantante, bella la canzone, finalmente un po’ di stile rock. ECCELLENTE.
  6. Luca Marino, Non mi dai pace…altro capolavoro come videoclip, è meglio tornare alla canzone, direi anche qui il testo sembra venire dalla fiera delle banalità, la voce di Luca è invece interessante, molto radiofonica e sembra un misto tra Francesco Renga e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, ritmo piuttosto da ballata che si avvale quasi esclusivamente di una chitarra. BUONO.
  7. Jacopo Ratini, Su questa panchina…ancora una rottura nelle melodie che fino ad ora abbiamo ascoltato, un testo innocente ma non banale raccontato da una voce che si propone come nuovo cantastorie sanremese. Al primo ascolto ricorda molto Arisa al maschile e infatti c’è chi urla al plagio, effettivamente c’è più di un’assonanza con Io sono di Arisa, decidete voi. Comunque la canzone risulta OTTIMA.
  8. Romeus, Come l’autunno
  9. Toni Maiello, Il linguaggio della resa
  10. Nina Zilli, L’uomo che amava le donne

…riprendiamo domani con gli altri 5, c’è ne sono ancora delle belle!