Archivio

Archive for the ‘Pagina Nera’ Category

La Pagina Nera…PASSATO, PRESENTE, FUTURO! (Nonsolomoda)

aprile 13, 2008 1 commento

Ritorna l’appuntamento con la Pagina Nera di Nonsolomoda, reputo che questa scritta sempre da Fabrizio Pasquero sia una delle migliori. Pasquero si spinge verso la speculazione filosofica…presente, passato, futuro… e come Platone, ma in versione più moderna e più chic racconta del fluire del tempo. Buona lettura!

Vodpod videos no longer available. from www.video.mediaset.i posted with vodpod

 

PASSATO, PRESENTE, FUTURO

Così i riferimenti per la nostra vita e quella degli altri, da sempre. Per sempre?

Pare di no.
L’ ingresso nel 2000 ha cancellato il “desiderio di futuro” e relegato il passato nel cassetto con la paccottiglia dei ricordi.
Passato ribattezzato “vintage”, esporre impaginato, contestualizzato,
tagliato a fette di decenni, da consumare come cultura di rafforzo del Made in Italy.
Non si butta via niente.
E il futuro? Che orizzonti potrà avere se il traguardo estremo odierno è la fine del mese?
2008: quarant’ anni fa la grande utopia del ’68, l?immaginazione al potere.
Immaginare non costa niente. E sempre a proposito di futuro e di economia, nell’ultimo semestre, in Italia, i fiduciosi scendono dal 26 al 23%.
90 è la percentuale per Olanda, Svezia e Finlandia. 97 per Danimarca.
Qui, dunque, diminuisce l?ottimismo per il futuro e aumenta la nostalgia del passato, quello di pochi decenni fa.
Ma va!

 

 
Annunci

QUELLI CHE… il luogo… è comune (Pagina Nera)

febbraio 28, 2008 Lascia un commento
non-solo-moda.jpgSi rinnova l’appuntamento con la Pagina Nera di NonSoloModa…per la parte più glam di ciascuno di noi…
  
Quelli che … non chiedono mai lo sconto. I falsi costano meno.
Quelli che … fumano. Ho i polmoni come un bambino…e anche il cervello.
Quelli che …  non guardano mai la televisione. Preferiscono un libro. Titolo? Panico.
Quelli che … fosse per me, l’esercito in strada e i ladri in caserma. Semplice no!
Quelli che … io dico sempre quel che penso! Niente, appunto!
Quelli che … con il cambio automatico non ci provano gusto. Vuoi mettere le doppiette?
Quelli che …  la Vespa ce la invidiano in tutto il mondo. Come la Lollobrigida.
Quelli che … se nasco un’altra volta… in Svizzera caro mio.
Quelli che … cinesi e giapponesi sono tutti uguali… a mandorla.
Quelli che … a me non servono le catene. Ortopedia, 2°piano, camera 43.
Quelli che … francesi non hanno il gorgonzola. Fratelli d’Italia.
Quelli che … la prossima volta non voto.
Quelli che … Meglio niente che male. Quelli che… il Suv… sì, certo. Però, ma…
Quelli che… la 500 è sempre la 500. 1400 per esattezza!
E…
Quelli che… adorano Enzo. Jannacci, per i più distratti!
da Nonsolomoda – Fabrizio Pasquero 

NonSoloModa: La Pattumiera Chic (Pagina Nera)

febbraio 19, 2008 4 commenti

non-solo-moda.jpgIL BENESSERE IN PATTUMIERA

“Se ogni abitante della Terra vivesse con gli stessi agi del cittadino medio nord americano, non basterebbe un solo pianeta, ma ne servirebbero tre per provvedere alle esigenze di tutti”.  John Reader…perchè l’impatto ambientale della città è maggiore quanto è migliore lo standard di vita dei suoi abitanti.
A proposito:  i governi dell’Occidente spendono 350 miliardi di dollari l’anno per aiuti all’agricoltura, è così che  i bovini europei vivrebbero meglio di metà degli abitanti del pianeta.
Londra si estende su una superficie di 1.500 km quadrati, ma per soddisfare le esigenze di consumo  e smaltire i rifiuti prodotti, avrebbe bisogno di un territorio equivalente al totale dei terreni utilizzabili dalla Gran Bretagna.
E ancora, gli abitanti degli Stati Uniti utilizzano per il loro sostentamento 4,7 ettari di terra a testa. 0,4 ettari, per chi vive in India.
Sapersi sbarazzare delle cose diventa più importante che acquisirle: i rifiuti sono oggi il prodotto principale delle società dei consumi, tra tutte le nostre industrie , quella della produzione dei rifiuti è la più importante e non conosce crisi.
La sopravvivenza di tale società e il nostro benessere dipendono dalla rapidità con cui i prodotti vengono conferiti alla discarica e dalla velocità ed efficienza con cui gli scarti vengono rimossi e riconvertiti.
Ciò che bisogna fare è correre con tutte le nostre forze semplicemente per rimanere allo stesso posto, a debita distanza dalla pattumiera, dove altri sono destinati a finire.
E se gli altri fossimo noi?
di Fabrizio Pasquero