Home > News, Sex, Società > Sesso: sempre più piccoli e sempre meno protetti.

Sesso: sempre più piccoli e sempre meno protetti.

Arriva dalle pagine del Corriere.it una notizia che la dice lunga sull’ignoranza dei ragazzi circa l’educazione sessuale. Senza fare tanto i maestri, è chiaro che da un rapporto sessuale non protetto si può incorrere in una gravidanza non voluta e in una serie di malattie sessualmente trasmissibili.

Per la grande risonanza mediatica della prima, pare che i ragazzi abbiano preso le dovute precauzioni trascurando il problema relativo alle malattie sessualmente trasmisssibili: da una ricerca è venuto fuori che la maggior parte delle ragazze assumono la “pillola del giorno dopo” decidendo con il proprio ragazzo di far a meno del preservativo, tutto ciò ha fatto impennare malattie come il papilloma e la clamidia.

Questo l’articolo…

si trascura ancora di più il preservativo

Boom pillola del giorno dopo tra under 20

È il contraccettivo di prima scelta. E così alcune infezioni sessualmente trasmesse sono decuplicate

ROMA – La maggioranza delle donne che prendono la pillola del giorno dopo sono under 20 (il 55 per cento), contro il 45 per cento che riguarda tutte le altre fasce d’età (cioè dai 20 ai 50 anni). A conferma che la pillola è divenuta ormai il contraccettivo di scelta per le giovanissime, lasciate sole (come peraltro i «colleghi maschi») da genitori e scuola sul fronte dell’educazione e della prevenzione. Sono i dati diffusi dalla sessuologa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia al San Raffaele di Milano, intervenuta al convegno «Politiche per un contrasto all’interruzione volontaria di gravidanza nelle donne a rischio», promosso dai ginecologi di Aogoi e Sigo. Se la pillola, come ha ricordato il presidente Sigo Giorgio Vittori, sta conoscendo un vero boom, con un aumento del 59 per cento delle vendite dall’immissione in commercio a oggi e un più 23 per cento in un solo anno, dal 2006 al 2007 (220 mila contro 270 mila) si deve dunque soprattutto alle giovanissime, che «la considerano un contraccettivo comune – sottolinea la Graziottin – dimenticando che un rapporto protetto è tale se protegge non solo dai figli indesiderati, ma anche dalle malattie».

PAPILLOMA E CLAMIDIA DECUPLICATI – Invece «vedo aumentare pericolosamente il numero di malattie sessualmente trasmissibli tra le giovanissime, dal papilloma alla Chlamydia, cresciuta da a 10 volte negli ultimi 10 anni, ormai una patologia endemica tra under 20». A questo contribuisce «il drammatico errore storico di aver parlato di contraccezione soprattutto alle femmine in questi anni, trascurando i maschi. A cui bisogna dire con forza che non mettersi il preservativo non è “fico”, è solo scemo, si mette a rischio la salute propria e della partner». A latitare sono soprattutto i genitori: «Solo il 40 per cento delle madri parla di contraccezione con le figlie, ma la qualità del dialogo è molto bassa». Tanto che le giovani parlano di sesso soprattutto con le amiche (il 63,8 per cento), pochissimo con la mamma e niente (proprio così, zero per cento) con il ginecologo, che rischia così di ridursi a mero dispensatore di pillole senza un ruolo forte di supporto e di informazione.

GENITORI DA BOCCIARE – I genitori, secondo la Graziottin, sono insomma «da bocciare in tronco: appena il 5 per cento di loro sa se la figlia under 15 ha rapporti sessuali a rischio, una categoria che invece ormai riguarda ben il 38 per cento delle giovanissime. E solo il 47 per cento dei genitori ritiene il preservativo sicuro (il 52 per cento si fida della pillola), dati molto inferiori alla reale efficacia dei due metodi contraccettivi. E la scuola non è da meno: «Lì o non si parla di contraccezione o se ne parla male, inculcando pregiudizi sulla pillola (fa venire il cancro, fa aumentare di peso) che rovinano anni di messaggi positivi».

09 giugno 2008

Annunci
  1. immortal
    giugno 12, 2008 alle 2:05 pm

    Ecco! L’ ultimo intervento mi sembra quello più giusto! Xk i genitori fanno sempre meno attenzione ai propri figli? E perchè la scuola non fa niente x educare i propri alunni?
    E’ anke vero ke 14 anni sono un pò pochi per avere rapporti sessuali, ma è la fase dell’ adolescenza e il ragazzino non è ancora sicuro nè di sè nè di quello ke è giusto fare. Più che con la sua testa credo che egli venga molto influenzato dal gruppo, ke a sua volta è influenzato da altri, e così via fino all’ infinito!
    La pillola del giorno dopo? Se n’è da poco parlato in tv, ma i provvedimenti si prendono? Qst non si sa e a dire la verità un pò mi spaventa! Spero che qualcu altro a parte me abbia avuto la possibilità di leggere qst pagina e di riflettere CON LA PROPRIA TESTA su tali argomenti!
    Come il prof. Cicerino dice ne “I Liceali” non bisogna aver paura dell’ amore, ma neanche abusarne a tal punto di rischiare malattie o gravidanze premature… Fate attenzione, ragazzi! 😉 by Immortal93

    Bell’ articolo!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: